Film da non perdere

Ecco, di solito in questa pagina cerchiamo di inserire film da andare a vedere al cinema, film non molto pubblicizzati che però valgono il biglietto!
Ora vista la situazione d’emergenza che stiamo vivendo, quindi la chiusura delle sale cinematografiche, inseriremo man a mano una lista di film interessanti, a tema missionario o sociale, che potete comodamente reperire in casa online sulle varie piattaforme che il web offre, alcuni anche su YouTube!
Li trovate suddivisi per continenti.
Un modo in più per passare questo tempo, per riflettere, per ridere, un modo in più per restare a casa.
Insomma restiamo a casa e vediamoci i film suggeriti dal CMD, un abbraccio!!!!

ASIA 
  • THE MILLIONAIRELocandina italiana The Millionaire
Regia di Danny Boyle
Genere: Commedia, Drammatico
Cast Anil Kapoor, Dev Patel, Freida Pinto,
Produzione: USA, Gran Bretagna
Durata:  120 min
Uscita: 2008
Una domanda e venti milioni di rupie separano Jamal Malik da Latika, amore infantile e mai dimenticato. Dopo averla incontrata, persa, ritrovata e perduta di nuovo Jamal, un diciottenne cresciuto negli slum di Mumbai, partecipa all’edizione indiana di “Chi vuol essere Milionario” per rivelarsi alla fanciulla e riscattarla (con la vincita) dalla “protezione” di un pericoloso criminale. L’acquisita popolarità mediatica, la scalata trionfale al milione e alle caste sociali infastidiscono il vanesio conduttore che cerca di boicottarne la vittoria, ingannandolo e facendolo arrestare. Sospettato di avere imbrogliato e torturato inutilmente, Jamal rivelerà al commissario di polizia soltanto la verità: conosceva le risposte perché ciascuna di quelle domande ha interrogato la sua straordinaria vita, devota a Latika e votata all’amore.
In primo piano la tensione del quiz con le tappe della terribile storia dell’infanzia di Jamal, di suo fratello e degli altri poveri come loro; in secondo piano la storia d’amore bella e romantica; sullo sfondo l’India moderna, spirituale e materiale, colorata e grigia, di estrema miseria ed esagerata ricchezza. 
8 Oscar nel 2009: miglior film, regia, sceneggiatura non originale, fotografia (A.D. Mantle), montaggio, colonna sonora, sonoro e canzone.

 

Guarda qui il TRAILER del film!!!


  • MALALA Locandina italiana Malala

Regia di Davis Guggenheim
Cast: Malala Yousafzai, Mobin Khan, Bono, Jon Stewart.
Genere: Documentario
Paese: USA
Uscita: 2015
Durata; 93 minuti

A 11 anni, sotto falso nome, Malala Yousafzai scriveva un blog per la Bbc, raccontando la vita quotidiana di una studentessa nella valle dello Swat. A 13 riceveva il Premio giovanile per la pace in Pakistan e rilasciava interviste sui media internazionali, denunciando l’oscurantismo dei talebani nei confronti delle donne cui veniva negata l’istruzione. A 15 anni quegli stessi talebani cercavano di ucciderla mentre si recava a scuola. La storia della ragazza, raccontata da lei stessa nel best seller “Io sono Malala”, è l’ispirazione per il documentario firmato da Davis Guggenheim.

Le voci narranti sono quelle di Malala e di suo padre, l’attivista Ziauddin Yousafzai, consulente speciale per l’istruzione globale alle Nazioni Unite.

ll documentario è il ritratto di Malala, premio Nobel per la Pace, e considerata nel suo paese la più grande sostenitrice dell’istruzione femminile

Guarda qui il TRAILER del film.

 


  • MACHANMachan - Film (2008) - MYmovies.it

Regia: Uberto Pasolini
Genere: Commedia
Produzione: Italia, Sri Lanka, Germania
Cast: Dharmapriya Dias, Gihan De Chickera
Uscita: 2008

Colombo, Sri Lanka. Un gruppo di abitanti di uno slum, costretti ai margini della società, decidono che un invito a partecipare ad un torneo di pallamano che si terrà in Baviera rappresenti la risposta a tutte le loro preghiere, un biglietto di sola andata per l’Occidente e l’unico modo per risolvere i loro problemi.

Pasolini si è circondato di alcune figure chiave dello Sri Lanka (l’autrice teatrale Ruwanthie de Chickera, l’attrice Damayanthi Fonseka e il regista Prasanna Vithanage) per tramutare il sogno di ventitré squattrinati organizzati in una fiaba cinematografica a lieto fine. Affrontando un argomento come quello dell’immigrazione (e delle politiche che la regolano), con delicatezza, empatia e umorismo, Pasolini ricorda allo spettatore la “disperata situazione nei paesi di origine dei tanti illegali che vediamo per le strade della nostra città” lasciando il pubblico con un sorriso sulle labbra e una stretta al cuore.

Guarda qui il TRAILER del film!!

Machan  (Premio Label Europa Cinemas alle Giornate degli Autori a Venezia 2008) è il primo film di Uberto Pasolini, che si occupa di cinema dal 1983 quando ha cominciato come runner in Thailandia per la produzione di Urla nel silenzio. Nel 1994 è diventato produttore indipendente e ha fondato la Redwave Films. Il suo primo film da produttore è stato Palookaville. In seguito ha prodotto The Full Monty, che resta a tutt’oggi il maggior successo commerciale inglese – basato su materiale originale – di tutti i tempi.


  • E ORA DOVE ANDIAMO?encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcT...

Regia: Nadine Labaki
Cast: Nadine Labaki, Claude Baz Moussawbaa, Layla Hakim, Yvonne Maalouf.
Genere: Drammatico
Paese: Francia, Libano, Egitto, Italia
Uscita: 2011
Durata: 110 minuti

UNA COMMEDIA AL FEMMINILE CONTRO L’INTEGRALISMO.

In un paese in una zona montuosa del Medioriente una piccolo comunità è divisa tra musulmani e cattolici. Se gli uomini sono pronti alla rissa le donne sono invece solidali nel cercare di distogliere mariti e figli dal desiderio di trasformare i pregiudizi in violenza…

La regista/attrice libanese Labaki è al suo secondo lungometraggio dopo il successo di Caramel, una storia dove cinque donne parlano della quotidianità femminile in un salone di bellezza. Nel 2019 è uscito nelle sale il successivo Cafarnao. Un film di denuncia fortissimo che vi abbiamo suggerito di andare a vedere al cinema che racconta la storia di un dodicenne cresciuto in un quartiere povero di Beirut!

Guarda qui il TRAILER del film!


  • LA LOCANDA DELLA FELICITA’

Regia: Zhang Yimou
Cast: Benshan Zhao, Dong Jie, Dong Lihua, Fu Biao, Li Xuejian
Genere: Commedia
Durata: 95 min
Paese: Cina
Uscita: 2000

Zhao è un povero pensionato che non ha avuto fortuna con le donne. Un giorno, credendo di aver incontrato l’anima gemella, le fa credere di essere facoltoso. Quando la donna comincia a parlare di matrimonio Zhao si mette alla disperata ricerca di soldi. Fra tanti amici Zhao incontra Li che ha una grande idea….

“Si ride, si ammirano attori entusiasmanti, si palpita per quel padre vicario e quella figlia virtuale, ostinati ed inermi, come quando si legge un libro d’un fiato”. (Fabio Ferzetti, ‘Il Messaggero’ 11/10/2002)

Qui trovi il TRAILER.  Su YOUTUBE il film intero

Il regista Zhang Yimou ha firmato dei veri e propri capolavori, è considerato uno dei cineasti cinesi più importanti e ha ricevuto tre nomination agli Oscar nella categoria miglior film straniero per Hero, per Ju Dou e per Lanterne Rosse. Ci piacciono tantissimo Non uno di meno (1998) e La strada verso casa (1999).

 


AMERICA
  • LISTA D’ATTESALista D'Attesa [EDITORIALE]: Amazon.it: Vladimir Cruz, Jorge ...

Regia:  Juan Carlos Tabío
Cast:  Jorge Perugorría, Vladimir Cruz, Tahimi Alvariño, Antonio Valero
Genere: Commedia
Durata: 102 minuti
Paese: 
Cuba, Francia, Messico, Spagna
Uscita: 2000 

Una stazione, autobus strapieni e una lunga lista d’attesa. Ma l’attesa si trasforma in occasione di ritrovata solidarietà. Progressivamente le tensioni calano, risbocciano passioni sopite, nascono nuovi amori. E, soprattutto, si lavora insieme per migliorare quel piccolo mondo che è la fatiscente stazione d’autobus.

Dopo Fragola e cioccolato e Guantanamera, girati con lo scomparso Tomas Gutiérrez Alea, Tabio realizza una piccola commedia che riconcilia con il cinema. È come se tutto il popolo di Cuba si fosse dato appuntamento nella piccola, sperduta stazione di autobus in cui si svolge Lista d’attesa, di Juan Carlos Tabio. Un edificio fatiscente, sulla riva del mare: una metafora trasparente del Paese di Fidel, con la manutenzione rimandata all’infinito, i richiami continui al senso civico e ai “doveri” rivoluzionari, i beni più elementari che scarseggiano o addirittura mancano completamente. Aspettare un autobus che non arriva: da ore, decine di persone, rappresentanti di ogni strato sociale, attendono inutilmente, perché ogni mezzo che passa non ha nemmeno un posto a disposizione (di Luigi Paini Il Sole-24 Ore)

Guarda il TRAILER


  • LA NOTTE DELLE MATITE SPEZZATE locandina del film LA NOTTE DELLE MATITE SPEZZATE

Regia: Hector Olivera
Cast: Vita Escardo, Pablo Navarro, Leonardo Sbaraglia
Genere: Drammatico
Durata 90 minuti
Paese: Argentina
Uscita: 1988

In Argentina negli anni Settanta sale al potere la giunta militare. Una notte (quella, appunto, delle “matite spezzate”) un gruppo di liceali contestatori riviene sequestrato dalla polizia. Solo uno di essi, dopo molte torture, verrà rilasciato. Degli altri non si saprà più nulla. Un film di denuncia durissimo sull’argomento (ancora evitato dalla maggior parte dei registi argentini) dei desaparecidos. Da vedere!

Lo trovate su YouTube


  • MARIA PIENA DI GRAZIA (Maria Full of Grace – María, llena de gracia eres.)Maria Full of Grace - Film (2004) - MYmovies.it

Regia: Joshua Marston
Cast: Catalina Sandino Moreno, Yenny Paola Vega, Guilied López.
Genere: Drammatico
Paese: USA, Colombia
Uscita: 2004
Durata: 101 minuti

Maria, 17 anni, colombiana, incinta di un coetaneo, accetta di fare la mula (trasportatrice di droga), ingerendo ovuli di cocaina. Insieme con tre compagne parte per New York…

Esordio nel lungometraggio di un giovane regista ebreo. Un film, che racconta un percorso purtroppo reale compiuto da tante ragazze, sulla conservazione dell’innocenza. Nonostante tutto. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar ed è stato premiato al Festival di Berlino. 

Guarda il Trailer del film!


  • LA STRATEGIA DELLA LUMACA

Regia: Sergio Cabrera
Cast:  Frank Ramirez, Florina Lemaitre, Fausto Cabrera
Genere: Commedia
Paese: Italia, Colombia
Uscita: 1993
Durata: 90 minuti

Il film racconta la storia di un gruppo di inquilini di un caseggiato di Bogotà, costretti ad affrontare lo sfratto causato dal processo di rinnovamento che investe la città. Assistiti da Romero, studente di legge, riescono ad evitare varie volte lo sfratto, ma arriva il momento in cui il giudice comunica che hanno dieci giorni per sgombrare le case…

Il regista, di origine colombiana, che sembra ricordarsi della lezione del neorealismo italiano, dà vita ad un film originale e divertente che prende spunto da uno sfratto per imbastire un piccolo apologo che esalta la fantasia e la solidarietà come strumenti di lotta politica. Presentato alla Mostra di Venezia. Si trova intero su YouTube.


EUROPA
  • PA-RA-DA

Regia: Marco Pontecorvo
Cast:  Jalil Lespert, Daniele Formica, Evita Ciri, Gabi Rauta, Patrice Juiff.
Genere: Drammatico
Paese: Italia, Francia, Romania
Uscita: 2008
Durata: 100 minuti

Romania, 1992. Tre anni dopo la caduta del regime di Ceausescu Miloud Oukili, clown di strada francese di origini algerine, giunge a Bucarest. Qui si trova di fronte a una realtà terribile. Centinaia di bambini dai tre ai sedici anni vivono nel sottosuolo della città, sopravvivono grazie a furti, accattonaggio e prostituzione. Miloud ha un sogno: vincere la loro indifferenza a tutto (causata anche dai vapori di colla o di vernici che inalano come droga)…

Guarda il TRAILER.

“UNA FAVOLA AMARA SULLA CLOWNERIE, UN SORRISO IN MEZZO AL DOLORE.”

Storia vera quella raccontata nel film! Era il 1992 quando arrivò il clown franco-algerino Miloud in Romania come animatore all’interno dell’associazione Handicap International. Ma ci vollero 4 anni perchè il progetto di dare vita grazie all’uso dell’arte circense ad un processo di riabilitazione dei ragazzi di strada, venisse approvato dal governo rumeno. Con la nascita di PARADA i ragazzi che abitavano nei canali sotterranei della capitale potevano ora esibirsi sui palcoscenici d’Europa. Questi i numeri: 19665 le persone aiutate, 1725 gli spettacoli fatti: www.parada.it

Il film ha avuto candidature sia ai Nastri d’Argento che ai David di Donatello. Lo trovate completo su YOUTUBE!


  • TRAIN DE VIE – UN TRENO PER VIVERE

Regia: Radu Mihaileanu
Uscita: 1998
Cast: Agathe De La Fontaine, Lionel Abelanski, Rufus, Clément Harari.
Genere: Commedia
Paese: Francia, Belgio, Romania, Israele, Paesi Bassi

Durata: 103 minuti

In un villaggio ebraico dell’est Europa giunge la notizia che i nazisti hanno cominciato a deportare gli ebrei dei villaggi vicini. Nasce così l’idea di organizzare un treno di finti deportati. Tutto il villaggio contribuisce ai preparativi e in poco tempo lo sgangherato treno parte per raggiungere la salvezza.

Secondo lungometraggio dell’eclettico regista rumeno Radu Mihaileanu, una tragicommedia che unisce originalità narrativa, umorismo yiddish e ritmo impeccabile. Due le nomination ai Cesar, Miglior film ai David di Donatello e al Sundance Film. Lo trovate completo su YouTube. Guarda il TRAILER del film.

Dei suoi film successivi vi consigliamo di vedere sicuramente anche IL CONCERTO del 2009.


  • SI PUÒ FARE

Regia di Giulio Manfredonia
Genere: Commedia, Drammatico
Uscita: 2008
Cast: Claudio Bisio, Anita Caprioli, Giuseppe Battiston
Paese: Italia
Durata: 111 minuti
Premi: 4 candidature e 1 premio ai Nastri d’Argento, 8 candidature e 1 premio ai David di Donatello.
Nello, un imprenditore milanese che ha perso la propria posizione, si ritrova a dirigere una cooperativa di ex pazienti di ospedali psichiatrici, dopo l’entrata in vigore della legge Basaglia. Credendo fortemente nella dignità del lavoro, Nello spinge ogni socio della cooperativa a imparare un mestiere per sottrarsi alle elemosine dell’assistenza, inventando per ciascuno un ruolo incredibilmente adatto alle sue capacità ma finendo per scontrarsi con inevitabili quanto umanissime e tragicomiche contraddizioni…
Lo trovate completo su YouTube.
Un film che coinvolge e appassiona e rende merito alle tantissime cooperative sociali che operano sul territorio! Da vedere…
Il regista Guido Manfredonia inizia la carriera come assistente alla regia di Cristina Comencini prima e Luigi Comencini poi. Nel 2001 l’esordio alla regia. Tra i suoi film ricordiamo anche E’ GIA’ IERI (nel 2004) con Antonio Albanese, che poi lo chiamerà a dirigere QUALUNQUEMENTE (nel 2011) e TUTTO TUTTO NIENTE NIENTE (nel 2012).  Guarda il TRAILER

AFRICA
  • TIMBUKTU Poster Timbuktu

Regia di Abderrahmane Sissako
Cast Ibrahim Ahmed, Toulou Kiki, Abel Jafri, Fatoumata Diawara
Genere: Drammatico
Paese: Francia, Mauritania,
Durata: 97 minuti
Uscita: 2015

UN FILM RIGOROSO REALIZZATO DA UNO DEI MAESTRI DEL CINEMA AFRICANO.

A poca distanza da Timbuktu, dove domina la polizia islamica impegnata in una jihad in cui divieto si aggiunge a divieto, una famiglia vive tranquilla sulle dune del deserto. Sotto un’ampia tenda Kidane, Satima e la loro figlia Toya possono solo cogliere dei segnali di quanto accade in città. Il giorno in cui il loro pastore dodicenne si lascia sfuggire la mucca preferita che distrugge le reti di un pescatore nel fiume che scorre tra la sabbia, tutto però muta tragicamente. L’animale viene ucciso e Kidane non accetta il sopruso.

La fonte di ispirazione di questo intenso quanto rigoroso film di uno dei Maestri del cinema africano è rintracciabile in un fatto di cronaca accaduto in una cittadina del nord del Mali. Una coppia è stata lapidata perché portatrice di una colpa inaccettabile agli occhi accecati degli integralisti islamici: i due non erano sposati. Sissako però non vuole essere il narratore di un fatto di cronaca accaduto in un Paese che non fa notizia e non origina mobilitazioni internazionali. Vuole raggiungere, riuscendoci, un obiettivo molto più elevato. Da un lato uomini che cercano a fatica nella lingua araba la loro radice mentre impongono norme che condizionano anche la più quotidiana delle attività, e dall’altra la vita di una famiglia che conosce l’armonia e la fedeltà (quella vera e profonda) nelle relazioni parentali e con la divinità.

Sissako ci fa percepire la distanza abissale tra questi mondi grazie anche a una fotografia di straordinaria bellezza e intensità che non si perde mai nell’estetismo autoreferenziale. Non è un film anti-islamico il suo (il discorso che l’imam locale fa al neofita jihadista ne costituisce la prova più evidente). È piuttosto un grido di allarme lanciato a un Occidente spesso distratto (salvo quando si presentino episodi mediaticamente rilevanti come il sequestro di giovani studentesse) e talaltra incline a pensare che in fondo l’integralismo sia una rivolta contro i secoli di colonialismo e che nasca dall’interno delle varie realtà nazionali. Nulla di tutto ciò risponde a verità ci dice il regista: siamo di fronte a un’oppressione che arriva da fuori e prende a pretesto una supposta fede per sottomettere intere popolazioni. Non resta allora alle nuove generazioni che fuggire come gazzelle dinanzi a belve assetate di sangue infedele oppure, come ci viene proposto in una sequenza al contempo di grande forza ed eleganza, di continuare a giocare una partita proibita. Anche se non c’è il pallone.

Abderrahmane Sissako è uno dei pochi registi dell’Africa nera ad aver raggiunto una reputazione internazionale. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a BAFTA, 8 candidature e vinto 7 Cesar

Guarda il TRAILER


  • MUZUNGUmovieplayer.net-cdn.it/t/images/2008/08/25/la-l...

Regia: Massimo Martelli
Cast: Flavio Bucci, Felice Andreasi, Giobbe Covatta, Paolo Maria Veronica, Emanuela Grimalda
Genere: Commedia
Durata: 108 minuti
Paese: Italia
Uscita: 1999

Una signora ricca e decisamente viziata è in viaggio in Africa con due animatori turistici. Un incidente al loro aereo li costringe ad atterrare nel deserto kenyota. Qui li trova un sacerdote che, invece di portarli a Nairobi, li conduce nel villaggio in cui opera. La differenza con i grandi alberghi è decisamente troppa per la signora. Ma un po’ di solidarietà è in agguato in fondo al cuore.

Covatta scrive e interpreta un film con il regista di Pole Pole. Riescono così a raccontare i problemi dell’Africa in modo semplice e accattivante senza fare prediche. 

Il titolo “Muzungu” è in lingua swahili, il significato della parola muzungu è “uomo bianco”


  • Hotel Rwanda - Film (2004) - MYmovies.itHOTEL RWANDA

Regia: Terry George
Cast: Don Cheadle, Sophie Okonedo, Nick Nolte
Genere: Drammatico
Paese: Canada, Gran Bretagna, Italia, Sudafrica
Uscita: 2004
Durata: 121 minuti 

UNA STORIA CENSURATA CHE CI PARLA DI UN EROE CHE NON CONOSCEVAMO.
Il film, ambientato nel 1994 durante il genocidio in Ruanda, in cui circa 800.000 persone, principalmente Tutsi, furono uccise dagli Hutu, è la storia di Paul e della sua famiglia, spettatori delle prime fasi del genocidio. Paul, manager di un famoso hotel, cerca di preservare i suoi familiari ingraziandosi i rappresentanti delle due milizie. Quando scoppia la guerra civile, il suo hotel diventa sede delle forze ONU e anche un punto di raccolta per i rifugiati, gli orfani e la Croce Rossa…

Il film ha ottenuto 2 candidature a Premi Oscar, 2 candidature a Golden Globes, 3 candidature a SAG Awards.  I produttori del film hanno collaborato con la Fondazione delle Nazioni Unite per creare il Fondo internazionale per il Ruanda, che ha sostenuto le iniziative del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite a favore dei sopravvissuti ruandesi.

Guarda il TRAILER del film!


  • QUEEN OF KATWE

Regia: Mira Nair
Cast: Lupita Nyong’o, David Oyelowo,
Genere: Biografico, Drammatico
Paese: USA, Sudafrica
Uscita: 2016
Durata: 124 minuti

La vera storia di Phiona Mutesi, la donna nata nei bassifondi di Kampala, in Uganda, che, malgrado abbandonò la scuola da giovanissima, divenne un prodigio nel gioco degli scacchi, tanto da rappresentare il suo paese alle Olimpiadi degli scacchi nel 2010. Nel 2012, con il titolo di Candidato Maestro FIDE Femminile, diventa una delle prime giocatrici titolate nella storia scacchistica ugandese.

Il film ha ottenuto 1 candidatura a Critics Choice Award, vincitore del WFCC Award Best Family Film; vincitore del AAFCA (African-American Film Critics Association) Award fra i 10 miglior film del 2016.

TRAILER

Per chi ne avesse la possibilità, vi segnaliamo che potete trovarlo in streaming su Disney+, la piattaforma streaming della Disney arrivata da poco, 24 Marzo 2020, anche in Italia.


Elenco dei film, proiettati nei cinema di Pescara, consigliati dal CMD (2019-20)

 

  • Alla mia piccola Sama – For Sama (GB, 2019) di Waad Al-Khateab – Trailer
  • Jo Jo Rabbit (Ger 2019) di Taika Waikiki –Trailer (1 Premio Oscar)
  • Sorry We Missed You (GB/Fra/Bel, 2019) di Ken Loach – Trailer
  • The Farewell – Una bugia buona (USA/Cina, 2019) di Lulu Wang – Trailer (1 Golden Globes, 2 Spirit Awards)
  • Parasite (Corea del Sud, 2019) di Bong Joon Ho – Trailer (3 Premi Oscar, Cannes, 1 Golden Globes)
  • Tolo Tolo (Ita, 2019) di Checco Zalone – Trailer
  • Qualcosa di meraviglioso (Fra 2019) di Pierre-Francois Martin-Laval – Trailer
  • Mio fratello rincorre i dinosauri (Ita 2019) di Stefano Cipani – Trailer
  • Solo cose belle (Ita, 2019) di Kristian Gianfreda – Trailer
  • Torna a casa, Jimi (Cipro, 2019) di Mario Piperides – Trailer
  • Cafarnao – Caos e miracoli (Libano/USA, 2018) di Nadine Labaki – Trailer (Cannes)

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>